Cinque modi in cui il design computazionale cambia il modo di fare architettura

Cos’è la progettazione computazionale

La progettazione computazionale è l’applicazione di strategie computazionali al processo di progettazione. Mentre i progettisti si affidano tradizionalmente all’intuizione e all’esperienza per risolvere i problemi di progettazione, la progettazione computazionale mira a migliorare tale processo codificando le decisioni di progettazione utilizzando un linguaggio informatico.

Qual è l’obiettivo della progettazione computazionale?

L’obiettivo non è quello di documentare necessariamente il risultato finale, quanto piuttosto i passaggi necessari per creare quel risultato. La maggior parte degli ambienti di progettazione computazionale si basa sulla programmazione visiva rispetto alla tradizionale programmazione testuale.

Con la programmazione visiva, assembli i programmi graficamente anziché scrivere codice. Le uscite da un nodo sono collegate agli ingressi di un altro. Un programma o “grafico” scorre da un nodo all’altro lungo una rete di connettori. Il risultato è una rappresentazione grafica dei passaggi necessari per raggiungere il progetto finale.

Grasshopper

Grasshopper è probabilmente lo strumento di progettazione computazionale più popolare: strumento di modellazione algoritmica per Rhino, software di modellazione 3D. La progettazione computazionale è un termine ampio che comprende molte attività, che vanno dalla generazione del design all’automazione delle attività. Il thread comune è l’uso di uno strumento di programmazione visiva.

Ecco i cinque vantaggi della progettazione computazionale

Esplora più opzioni di design

Codificando le regole di progettazione in un framework computazionale, è molto semplice generare centinaia, se non migliaia di opzioni, utilizzando tali regole. Inoltre, ogni opzione può essere valutata utilizzando criteri specifici per determinare la soluzione migliore.

Accedi ai tuoi dati

Per quanto le aziende produttrici di software vorrebbero che facessimo tutto il nostro lavoro nel loro software, è ancora necessario (e spesso preferito) usare qualunque strumento possa risultare il migliore per il nostro lavoro.

Sfortunatamente questo significa trasferire dati da un formato all’altro. E poiché tutti i software non funzionano bene insieme, ciò comporta spesso l’esportazione di dati in Excel. Gli strumenti di progettazione computazionale rendono questo processo molto più semplice. Ad esempio, utilizzando Dynamo è possibile creare un collegamento bidirezionale con il modello Revit per esportare tutti i dati della tua sala Revit in Excel.

Una volta che questi dati sono in Excel, è possibile modificarli, quindi reimportarli nel modello o utilizzarli per creare un dashboard del progetto.

Automatizza le attività ripetitive

Molto di ciò che si vede dal design computazionale coinvolge geometria complessa e design avanzato. Tuttavia, questi strumenti possono fare molto di più.

Poiché lavorano con l’API del software o l’interfaccia di programmazione dell’applicazione, la maggior parte degli strumenti di progettazione computazionale può essere utilizzata per automatizzare attività noiose, come rinominare o copiare elementi.

Verifica ciò che il tuo progetto sta realmente facendo

Come fai a sapere che il tuo design funzionerà come hai pensato? Ad esempio, gli strumenti di progettazione computazionale semplificano la simulazione delle prestazioni dell’edificio progettato.

Vuoi sapere quanta luce del giorno puoi aspettarti in una giornata parzialmente nuvolosa a marzo? Puoi creare uno strumento apposito per misurarla.

Pensa algoritmicamente

Infine, la progettazione computazionale richiede di pensare logicamente e in modo graduale. La maggior parte degli architetti si affida all’intuizione e alla creatività per risolvere i problemi.

E se potessi codificare questa intuizione? Puoi guardare ogni step di progettazione e capire davvero cosa fa funzionare il tuo progetto. Ancora meglio, potresti riutilizzare quella logica di progettazione e migliorarla nel tempo.

Gli strumenti di progettazione computazionale consentono ad architetti e designer di creare i propri strumenti di lavoro. Ammettiamolo, ogni progetto su cui lavoriamo è unico con le sue sfide. Non esiste un unico software in grado di fare tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Tuttavia, creando i nostri strumenti, possiamo adattare il nostro software affinché funzioni per noi.

Vuoi sperimentare il potenziale della progettazione computazionale?

Dal 6 luglio al 25 settembre, la Summer School Digital Med riparte per la sua 6ª edizione!
83 ore divise in 6 settimane, per un percorso di alta formazione con lezioni dedicate alla progettazione parametrica e alla fabbricazione digitale per la realizzazione in scala 1:1 di un padiglione autoportante in legno.

Digital Med 2020 - Medaarch Education

Un format innovativo pensato per darti la possibilità di scegliere se seguirlo:
– LIVE al Centro per l’Artigianato Digitale
– oppure ON LINE in modalità e-learning.
La fase di fabbricazione digitale e montaggio del padiglione (22 – 25 settembre), invece, si tiene in sede, al Centro per l’Artigianato Digitale.

Partecipa alla Summer School Digital Med 2020

Leggi di più su Archdaily.com